Alberto Gandolfo
What remains
Fotofabrika Festival Sofia
dal 6 giugno al 7 luglio 2019

In occasione del Fotofabrika Festival di Sofia, giunto quest’anno alla sesta edizione, il 6 giugno verrà inaugurata la mostra Alberto Gandolfo “What remains”, una selezione di fotografie tratte da “Quello che resta” il libro omonimo dell’autore, a cura di Benedetta Donato (SilvanaEditoriale, 2019).

 

Alberto Gandolfo
Quello che resta

Gli ultimi quarant’anni delle storie di cronaca italiana nei volti di chi rimane.
Scrive Benedetta Donato: “Le fotografie di Alberto Gandolfo, sono ritratti informali e istintivi, immagini basate sull’atto costante del ricordare, che qui appaiono nuove, vive, forme visive di resilienza, in cui la memoria individuale diviene collettiva”.
Un progetto, nato nel 2017, che ha l’intento di denunciare episodi drammatici sui quali persistono delle zone buie, e che rischiano di essere dimenticati: delitti e stragi ad opera di organizzazioni criminali come la mafia o attentati rivendicati da gruppi estremisti, morti per carenza di adeguati controlli nelle infrastrutture o per mancanze nelle procedure sanitarie, misteri legati alle speculazioni finanziarie o allo spionaggio informatico.
Chi resta è impegnato in lunghe battaglie alla ricerca di una verità e di una giustizia, che non riguarda solo vicende personali, ma che coinvolge l’intera collettività, nella speranza che il passato non si ripeta.
Oltre al testo introduttivo e alle schede monografiche redatte dalla curatrice, il libro accoglie un contributo a firma di Giovanna Calvenzi.

Alberto Gandolfo nasce a Palermo nel 1983. Da sempre appassionato di fotografia, nel 2010 inizia un percorso di formazione presso un istituto specializzato della sua città. Apprende le tecniche di stampa del bianco e nero seguendo un workshop con Antonio Manta, approfondisce generi e approcci diversi, in un percorso specifico con autori quali Valerio Bispuri ed Efrem Raimondi. Ispirato da quest’ultimo e dalla produzione di grandi maestri, come Richard Avedon e Paolo Roversi, si specializza nel ritratto.Negli ultimi anni ha realizzato numerosi progetti, ritraendo personaggi comuni ed esponenti della cultura nazionale ed internazionale.
Le sue opere sono state esposte in diverse sedi, tra cui la GAM – Galleria d’Arte Moderna di Palermo, la Fondazione Teatro Massimo di Palermo e in occasione dei Voies Off durante il prestigioso festival internazionale Les Rencontres de la Photographie di Arles.
Nel 2016 fonda Église, realtà nata allo scopo di promuovere la fotografia, attraverso attività di formazione ed espositive sul territorio palermitano.
Con il progetto “Quello che resta” nel 2018 vince il primo premio come miglior portfolio nell’ambito del festival Fotografia Europea.

Input your search keywords and press Enter.