Take Over _ Angelo Ferrillo

Eglisetakeover_AngeloFerrillo_258_MINUTES_025

In questo periodo in cui tutto sembra statico, in cui le domande sembrano essere più numerose delle risposte e l’introspezione prevale, è la cultura che aiuta a tenere alta l’attenzione creativa di noi tutti.
Così, malgrado lo stop alle attività programmate per il 2020 a causa del COVID – 19, attraverso i nostri canali social abbiamo iniziato a condividere bellezza per gli occhi e il cuore, e continuiamo nelle prossime settimane con dei TAKE OVER: immaginando di contribuire alla ricerca e alla condivisione della bellezza, registrata dagli occhi dei fotografi che abbiamo coinvolto.
Da martedì 14 aprile, condivideremo, proprio attraverso i take over, con voi alcuni progetti e percorsi fotografici raccontati dagli stessi autori.

Ci potete seguire qui:
Instagram | Facebook | Youtube


Dal 14 al 18 aprile 2020, sui canali social di Église sarà ospitato Angelo Ferrillo con il progetto fotografico 258 MINUTES, edito da Crowdbooks nel 2018, a cura di Benedetta Donato e con un testo di Giovanni Gastel.

Così ne scrive l’autore: “Il 13 novembre del 2015 dalle ore 21:20 Parigi è sotto attacco. Un attacco che la porta al centro della cronaca mondiale ancora una volta. La catapulta nella storia con 258 minuti di terrore e un bilancio di 130 morti. Non penseresti mai che, andando ad assistere ad un concerto, la tua vita possa cambiare, nel caso fortuito in cui tu possa dire di averne ancora una. Non crederesti mai che, in una notte di autunno uguale a tante altre, la vita di 130 persone, di una città, di una nazione, di un continente, di tutto il mondo, possa cambiare per sempre.

Un effetto devastante… Sfido chiunque a immaginare i pensieri consueti di quando sei in procinto di uscire di casa per un appuntamento, che nulla hanno a che vedere con la possibilità che la tua vita possa finire da un momento all’altro!

Alle 21:20 di venerdì 13 novembre, come nel peggiore dei presagi scaramantici, in 258 minuti, durante un concerto rock, una partita di calcio o nelle cene tra innamorati e passeggiate all’aria aperta, all’improvviso, tutto viene interrotto dal solo suono freddo di un kalashnikov. Un suono che non ha nulla a che fare con la musica, con i cori da stadio, con i rumori da sottofondo metropolitano… Una melodia crudele ha trascinato via 130 persone, le loro anime e le loro esistenze.

258 MINUTES non sono altro che i minuti trascorsi dalla prima esplosione avvenuta allo Stade de France di Parigi la notte del 13 novembre del 2015 alle ore 21:20, fino alla liberazione degli ultimi ostaggi del Bataclan, in cui l’orologio segnava le ore 00:58.
A distanza di migliaia di chilometri, attraverso i media e i contatti con i molti amici che proprio in quei momenti erano per le strade della capitale francese – in occasione del ParisPhoto, una delle più grandi manifestazioni di settore per la fotografia – mi ritrovo a vivere l’evento che verrà poi definito come l’11 settembre del vecchio continente. Non mi sono mai staccato da quei pensieri e da quegli eventi. Mi sono informato, mi sono documentato, ho parlato con tante persone, mi sono affidato a società di ricerca che potessero dare il giusto supporto al mio lavoro.

13 novembre 2016. Ad un anno esatto da quei fatti tragici, era giunto il momento di riaprire il Bataclan, era arrivato il momento di portare alla luce la mia ricerca, le mie riflessioni attraverso la fotografia.
Cosa era rimasto di quella sera, che aveva cambiato per sempre le sorti di una nazione?
Un percorso pensato per oltre un anno, tanto ci voleva per metabolizzarlo, realizzato in 258 minuti.”

 

 

 

Input your search keywords and press Enter.